ESEMPIO DI TESTAMENTO OLOGRAFO

Il testamento olografo deve essere scritto, datato e sottoscritto da colui che dispone delle sue ultime volontà.

Non vale perciò se è stato scritto a macchina o con carattere stampatello, perché la redazione con proprie mani è richiesta anche per stabilire l’autenticità del documento.

Purtroppo, essendo compilato da una persona non pratica del diritto, il testamento è spesso compilato con disposizioni poco comprensibili e difficilmente interpretabili in modo univo.

Per questo motivo ed esser d’aiuto, riportiamo di seguito un esempio di testamento olografo valido che basta ricopiare per nominare un proprio erede.


Io sottoscritto Luigi _______ , nato a Milano il 1.1.1935, nel pieno possesso delle mie facoltà, con questo testamento nomino mio erede mio figlio Alberto ed a lui andrranno tutti i miei beni al momento della mia morte.
Venezia, 19.12.2010
In fede
Luigi _________

 

This entry was posted in esempi, testamento, testamento olografo and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>