LA NULLITA’ PER DIFETTO DI FORMA DEL TESTAMENTO OLOGRAFO

Il testamento olografo deve essere scritto di pugno del testatore e da lui sottoscritto.

In difetto di questi requisiti essenziali il testamento è nullo.  Si tratta infatti di una delle ipotesi di nullità del testamento; queste ultime sono tassative sono previste dalla legge in modo espresso e non ne posso essere individuate altre al di fuori di quelle indicate dalla norma.

L’azione di nullità, con la conseguente impugnazione del testamento, può essere intentata da chiunque ed in ogni momento.

Ogni altro difetto di forma (ad esempio, la mancanza della data) può invece dare luogo al solo annullamento del testamento, su iniziativa di chi può avervi interesse e con l’impugnazione intentata entro il termine di 5 anni dall’esecuzione del testamento medesimo: il termine non decorre perciò dalla sottoscrizione delle disposizioni di ultima volontà, ma dalla loro esecuzione dopo la morte del testatore.


Art. 606 — Nullità del testamento per difetto di forma.

Il testamento è nullo quando manca l’autografiao la sottoscrizione nel caso di testamento olografo, ovvero manca la redazione per iscritto, da parte del notaio, delle dichiarazioni del testatore, o  la sottoscrizione dell’uno o dell’altro, nel caso di testamento per atto di notaio [603].
Per ogni altro difetto di forma il testamento può essere annullato su istanza di chiunque vi ha interesse. L’azione di annullamento si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

 

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in nullità del testamento, testamento, testamento olografo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*