ESEMPIO DI TESTAMENTO CON LEGITTIMARI NON PARITARI

Il nostro ordinamento prevede che ad alcune categorie di persone vi sia una riserva di una quota di eredità o altri diritti nella successione: essi sono il coniuge, i figli legittimi e naturali, i genitori, i nonni ed i bisnonni. Ai figli legittimi sono equiparati quelli adottivi.

Tutti questi possibili eredi si dicono legittimari.

Talvolta accade però che si voglia riservare una quota maggiore a taluni figli rispetto che ad altri, ma senza ledere la quota spettante a questi ultimi, la quale si chiama quota di legittima. Per farlo si deve disporre in modo da consentire la distribuzione a favore degli eredi più favoriti di quella parte di eredità che esubera rispetto alla “quota di legittima” riservata all’erede meno favorito.

Per migliore chiarezza riportiamo di seguito un esempio di testamento olografo con quote diseguali e sola riserva di legittima per l’erede meno  favorito.


 

TESTAMENTO

Io sottoscritta Paola Rossi, nata a San Donà di Piave (VE) il 13 dicembre 1933, con questo testamento istituisco erede nella sola quota di legittima mio figlio Giuseppe Verdi ed istituisco eredi universali nella restante parte del mio patrimonio, in quote uguali, i mie due figli marco ed Antonio Verdi.

Eraclea, 10.2.2011

Paola Rossi

This entry was posted in esempi, testamento, testamento olografo and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>