Archivi categoria: eredità

L’ACCETTAZIONE DELL’EREDITA’

L’ACCETTAZIONE E’ IL NECESSARIO PASSAGGIO PER DIVENIRE EREDE

Il dettame dell’art. 459 del codice civile dispone che l’eredità si acquista solo con l’accettazione.

Essa produce i suoi effetti retroattivamente dal momento in cui si è aperta la successione, ovvero dal momento della morte del de cuius. Bisogna perciò sempre distinguere il diritto di accettare l’eredità, ovvero il diritto di diventare erede, dallo specifico negozio di accettazione.


I due sono strettamente connessi e l’uno è il presupposto dell’altro: il diritto di accettare l’eredità nasce in capo ai soggetti chiamati all’eredità (testamentaria o legittima che sia) sin dal momento della apertura della successione e si prescrive in dieci anni dal giorno dell’apertura della successione.

Pubblicato in eredità, testamento | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

LA SUCCESSIONE TESTAMENTARIA

LA SUCCESSIONE TESTAMENTARIA

È quella che si apre quando c’è un testamento. In tal caso è il testatore a decidere a chi andranno i suoi beni.

In che modo si può fare testamento?

È possibile fare testamento da soli (il c.d. testamento olografo) o attraverso un atto pubblico notarile.

Nel testamento posso decidere a chi lasciare i beni in assoluta libertà o ci sono dei limiti?

Sì e no; ci sono persone a cui la legge riserva di diritto una quota di beni ereditari (es il coniuge ed i figli): queste persone sono dette legittimari (a questi è dedicato un paragrafo della Guida “Come fare Testamento”).

Pubblicato in eredità, testamento | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

LA SUCCESSIONE LEGITTIMA

LA SUCCESSIONE LEGITTIMA

Nel caso in cui una persona non esprima alcuna volontà testamentaria, i suoi eredi sono individuati direttamente dalla legge. In questo caso si ha la successione legittima (o per legge).


In altri termini il Codice civile indica una serie di soggetti (“eredi legittimi”) che subentreranno nell’eredità, individuandoli nel coniuge e nei parenti del defunto stesso, a partire da quelli di grado più stretto fino ad arrivare, il loro mancanza o rinuncia, a quelli di grado assai remoto, ma comunque non oltre il sesto.

 

Art. 456 Apertura della successione

La successione si apre al momento della morte (Cod. Civ. 4, 58 e seguenti), nel luogo dell’ultimo domicilio del defunto (Cod. Civ. 43, 45).

Pubblicato in eredità, testamento, testamento olografo | Contrassegnato , , | Lascia un commento